YAR SALE

YAR SALE 1
YAR SALE 2
YAR SALE 3

YAMAL SIBERIA

YAR SALE 4

Per mettere le mani sulle immense risorse di gas della penisola Yamal , vasto territorio al di sotto del Circolo Polare Artico, il gigante del gas russo Gazprom, braccio economico del Cremlino, è accusato di aver messo a tacere questo popolo nomade atipico che ha sempre vissuto con le renne e la pesca. Con 40.000 membri, i Nenets è il primo gruppo etnico nel paese. Persone sciamaniche, i Nenets hanno sempre coltivato un rapporto carnale con la terra dei loro antenati. Anche se braccati e raggruppati in fattorie collettive da un regime stalinista che aveva dichiarato la caccia ai kulaki (proprietari terrieri), si ricordano, senza odio né rancore, quando è iniziata l’esplorazione del gas circa quaranta anni fa. Da allora lo stile di vita tradizionale dei Nenets è notevolmente cambiato. Ma, in cambio, Gazprom e altri versano milioni di rubli sulla regione, permettendo di costruire scuole, edifici e, soprattutto, creare posti di lavoro nei campi di estrazione del gas. Il tasso di disoccupazione (1,2% della popolazione attiva) è uno dei più bassi in Russia e della popolazione (14 nascite per 1.000 abitanti) è in gran parte positiva. A Yar Sale, i bambini nenets ricevono un’istruzione nel moderno collegio del villaggio e studiano la letteratura  e la lingua russa per due ore alla settimana, mentre si parla la loro lingua madre nel parco giochi. I loro spettacoli, eseguiti nella sala delle sagre paesane, si mescolano al folklore e musica pop russa. In estate poi, gli studenti si uniscono ai loro genitori nella tenda nella tundra. Ma una volta completati gli studi la maggior parte dei giovani Nenets preferisce la città per trovare lavoro. Sradicati dal loro territorio e dalle loro famiglie, alcuni di loro cadono nella depressione e nell’alcool.

SCUOLA A YAR SALE

LE VECCHIE CASE DEL VILLAGGIO

Back to Top
Close Zoom